Situato all’interno di un’isola dell’arcipelago Mergui del Myanmar, Wa Ale è il primo resort di lusso del paese e la fuga più esclusiva del mondo

Il paradiso non è facile da raggiungere e appena al largo della punta meridionale del Myanmar, si trova il Wa Ale Island Resort, un gioiello tra le oltre 800 isole che compongono l’arcipelago di Mergui. Queste gocce della foresta pluviale nello scintillante mare delle Andamane non sono toccate dalla civiltà moderna e dalle principali rotte dell’aviazione, da cui le terre ricche di calcare e granito e sono descritte in una parola incontaminata.

Le isole dell’arcipelago di Mergui godono di un’immensa mancanza di infrastrutture, rendendo le isole meravigliosamente naturali praticamente inaccessibili a turisti e nativi curiosi. Con l’accesso solo in barca noleggiata, queste isole remote e incontaminate creano il tipo di esclusività di cui godrebbero i tipi ad alto patrimonio netto. Quindi, il resort di lusso di Wa Ale Island, situato all’interno del Lampi Marine National Park dell’arcipelago, si adatta alla definizione di fuga dell’isola definitiva.

“WA ALE È ESCLUSIVO E INTATTO, E RIMARRÀ TALE PERCHÉ IL RESORT E L’ISOLA DI LAMPI SONO SOTTO IL CONTROLLO DEL DIPARTIMENTO FORESTALE DEL MYANMAR”, – CHRISTOPHER KINGSLEY, COFONDATORE DEL RESORT WA ALE ISLAND

Nascosto all’interno di un’insenatura, protetto da foreste e altre barriere naturali, l’intimo rifugio sull’isola di Wa Ale è il primo resort di lusso di fascia alta del Myanmar che si affaccia sul maestoso mare delle Andamane e sulle vicine formazioni di granito maestose dell’isola.

L’apice dell’eco-chic, il resort sull’isola di Wa Ale che comprende 11 lussuose ville sulla spiaggia con tende e 3 ville sugli alberi sono progettate e sviluppate per migliorare la bellezza naturale e incontaminata del suo lussureggiante ambiente. Il più esperto a piedi nudi, Christopher Kingsley, cofondatore del resort dell’isola di Wa Ale Island, non ha intenzione di trasformare l’area in un’altra Phuket o Maldive, dicendo: “Non sarà mai costruita in eccesso, anche se il resto dell’arcipelago lo è. Preferiremmo vedere meno turismo e mantenere la bellezza della zona incontaminata. ”

Usando una varietà di legno naturale di recupero e decorato con eleganti mobili in bambù, gli eccentrici interni della villa sono abbinati a viste sull’oceano sbloccate, docce esterne sensuali e ponti privati ​​in tutte le ville. Gli ospiti che cercano un accesso diretto alla spiaggia e aree di soggiorno più ampie per un’esperienza familiare più comune possono scegliere queste Tented Beach Villas. Per le coppie e le fughe romantiche, c’è sempre l’ambiente più riservato delle Treetop Villas con il tetto di paglia.

Wa Ale del Myanmar è il resort più esclusivo del mondo

Pensavo che Alila Manggis fosse esclusiva e remota, ma l’isola di Myanmar Wa Ale è probabilmente la più esclusiva al mondo. È possibile raggiungere l’isola solo attraverso accordi di viaggio specializzati e autorizzati stipulati con il resort; così oltre alla bellezza naturale, ci saranno solo 28 ospiti in qualsiasi momento per condividere 38 chilometri quadrati di terre non toccate dall’uomo e dall’inquinamento.

L’ASEAN Marine Heritage Park ospita una fiorente popolazione di specie animali – infatti, indossa un Go-Pro impermeabile e nuota, tuffati, surf e snorkeling tra squali balena, delfini, dugonghi, tartarughe e mante. Se i tratti distintivi della vita sull’isola non fanno per te, indossa gli stivali della giungla e salta su un kayak e pagaia per esplorare le foreste di mangrovie dell’isola, fermati in una radura o due e poi attraversa la giungla sperimentando una fauna esotica come gibboni, macachi, pangolino e numerose spezie di uccelli.

“Wa Ale” nella lingua Moken che significa “isola centrale”, è sotto la protezione della Fondazione Lampi, creata per aiutare le autorità locali nella conservazione e negli sforzi sociali. Il resort è di per sé costruito utilizzando materiali di recupero e locali; Concordatamente, ognuna delle 14 ville di Wa Ale è stata costruita da artigiani locali per avere un impatto minimo sull’ambiente e offrire un comfort di lusso.

La definizione di Eco-chic

“SIAMO TUTTI IMPEGNATI A RESTITUIRE ALLA NATURA E ALLE COMUNITÀ DI PESCATORI LOCALI. VORREMMO CHE IL MONDO CAPISSE CHE IL SOSTEGNO A NOI SUPPORTA QUESTO GRANDE SFORZO DI CONSERVAZIONE ”- CHRISTOPHER KINGSLEY

 

Wa Ale Island Resort non solo sta donando il 20% degli utili netti annuali alla Fondazione Lampi, ma sta anche generando il 2% delle entrate della propria camera. Christopher e sua moglie, Farina, hanno già visto un certo successo nel salvare la popolazione nativa di tartarughe marine che nidifica su Wa Ale. La gente del posto inizialmente stava dando la caccia ai nidi ma quando i Kingsley hanno portato la Wildlife Conservation Society a educare la comunità attraverso video e discorsi, trasmettendo la provenienza e l’importanza delle tartarughe marine nella storia del Myanmar, la comunità è riuscita a ringiovanire la popolazione di tartarughe marine attraverso tre anni, a oltre 7.500 anfibi e oltre 30 nidi ogni anno. Se gli ospiti lo desiderano, Wa Ale organizza tour notturni per osservare il processo di nidificazione.

Dalla fattoria alla tavola, i pasti a Wa Ale sono parti uguali eco-socialmente amichevoli in quanto sono un’esperienza culinaria, i prodotti freschi raccolti dal giardino dello chef del resort e il pesce fresco pescato quotidianamente dall’Arcipelago offrono un menu nutriente di ispirazione asiatica e mediterranea che cambia ogni giorno.

Scopri Wa Ale Resort in Myanmar