Per la 69esima edizione ci sarà un po’ di tutto: dal rock alla trap, da rap, pop, indie fino alla tradizione. Sarà la competizione più coraggiosa di sempre. Ma si sa ancora pochissimo di ospiti e presentatori

Si va verso un posto sconosciuto. Ed è una sensazione bellissima, per una delle istituzioni italiane. A fare un excursus sui brani in gara è lo stesso Baglioni, che li ha ascoltati e scelti. “Ci sono molte canzoni dedicate all’idea dell’essere figli, padri, ci sono nonni raccontati. L’esigenza comune è quella di rivolgersi al proprio passato e futuro. Forse perché ci sono vaghezza del presente, disagio e confusione. Lo si riscontra in molti pezzi. Nek e Renga, per esempio, portano la sensazione di una generazione incerta su ciò che è. Così come Achille Lauro. I giovani nel loro tempo ancora non ci sono entrati”. Ma poi, aggiunge, ci sono “proposte estremamente sofisticate”, la “grande vitalità” di Ex Otago e Negrita, la “tradizione” di Anna Tatangelo e una “nuova Arisa, molto curiosa e eccentrica”. E, ovviamente, tanto altro ancora. “La 69esima edizione, nel numero – precisa Claudio -, dà l’idea del ribaltamento. Mi piace pensare di potere, alla fine, considerare questo viaggio come un percorso interessante”.

Un lungo e laborioso tragitto per arrivare alla composizione del cast (quasi come la Finanziaria, fanno notare a Baglioni. “Sì, ma forse faremo meno danni”, risponde). Tanto da avere lasciato fuori qualche collega: “Alcuni mi hanno chiesto di tornare, però a volte è la proposta a non essere più vitale. Dobbiamo rendercene conto noi che abbiamo fatto tanto e spesso non abbiamo più niente da dire”. Il tutto per costruire un Festival “di avanguardia, non di retroguardia”.

E se la compagine musicale è al completo, si sa ancora pochissimo di ospiti e presentatori. Il direttore artistico stesso non è ancora certo di esserci (ma difficile pensare alla sua assenza). Conferma i contatti in corso con Claudio Bisio, Vanessa Incontrada, Gianni Morandi e Virginia Raffaele. Inoltre, ci sarà sicuramente la coppia Baudo-Rovazzi, che ha ben funzionato durante ‘Sanremo Giovani’. “Però dobbiamo cominciare a contare – scherza – se no dovremo fare selezioni pure per i presentatori perché saranno più di 24”. Difficilmente ci saranno superospiti internazionalie non nel solco tracciato l’anno scorso di stranieri all’Ariston per omaggiare l’Italia.

LA PRESSE