PARIGI, Francia –  Per quanto riguarda le ispirazioni della moda, il passatempo americano dei derby demolitori è piuttosto arcano. Di certo non faceva parte della crescita di Virgil Abloh a Rockford, nell’Illinois. Ma hey, se un designer frulla arte e cultura pop e le forme e le trame abbastanza a lungo, forse quello che emerge è questa immagine nella sua mente: la vivida scacchiera della bandiera di partenza, il lampo di tessuti ignifughi come medici estrae un autista da un rottame ardente, il crollo dell’auto crolla delle sculture di John Chamberlain e Franz West. Erano tutti attraenti per un onnivoro culturale come il giovane Abloh. “L’accumulo definitivo”, lo chiama. Ma come poteva sapere che a un certo punto del suo futuro avrebbe vomitato tutti quei riferimenti su una passerella a Parigi?

Ha modellato quella passerella in una scacchiera gialla e grigia. Ha mandato Adut Akech in una fluttuante confezione di organza nello stesso schema. Il rivestimento d’argento delle giacche era ignifugo. Ha detto che i pantaloni erano pantaloni da corsa (ma non gli archi glitterati al loro orlo). Il fiore all’occhiello della collezione è stato sicuramente un cappotto drammatico, con perline la rubrica di visione posteriore, LE COSE SONO PIÙ VICINE DI QUANTO ESISTONO. Abloh ha detto che era il suo mantra. Non stava lasciando andare il derby della demolizione.

E ‘stato uno straordinario idée fixe . Ma Abloh è un vero ossessivo. Un vero credente. Ha detto di amare il womenswear per “la sua capacità di mostrare emozione attraverso il volume, la forma e la sartoria”. Ha rhapsodato i metri di tessuto consumati dagli abiti che Karlie, Gigi e Adut indossavano nel finale. È elettrizzato dal fatto che Off-White sia prodotto dalle stesse fabbriche in Italia che fabbricavano gli abiti di Jil Sander . Ipnotizzato dalle tecniche che sta acquisendo nel suo altro lavoro alla Louis Vuitton . Soufflé a pieghe? Perdona la mia ignoranza, ma non ho mai saputo che esistesse un nome specifico per l’effetto millefoglie che ha ottenuto Abloh con quelli che mi sembravano cappotti trapuntati.

“Devo andare al fondo di tutto”, ha detto Abloh in anteprima mercoledì. Il suo compagno Kevin indossava una maglietta che collegava i ragazzi nell’immagine già classica di Tommy Ton di Kanye and Co. che scendeva a Parigi nel 2009 per i personaggi dei cartoni animati. Kanye era Topolino, Virgilio era Pippo. Insiste che la sartoria di Off-White stia ora superando le felpe e le felpe. Who’s Goofy adesso?