PARIGI, Francia –  Nel gennaio 2009, Thom Browne ha tenuto una memorabile performance al Pitti Uomo di Firenze. Nella stanza principale dell’Istituto di Scienze Militari Aeronautiche, una truppa di replicanti rivestiti di Thom Browne, tutti decorati con identici abiti grigi sormontati da giacche beige Chesterfield, con le valigette in mano e gli occhiali da sole, sistemati su identiche scrivanie, che battono a macchina. Ormai tutti abbiamo familiarizzato con il marchio del teatro di Browne: la lentezza, la ripetizione e il significato criptico sono stati estesi in ogni modo possibile, a volte colpendo un nervo a volte no. Quella mostra a Firenze, tuttavia, fu la prima di Browne in Europa, e in qualche modo stabilì il modello per le cose a venire.

Avanti veloce a marzo 2019: sono passati dieci anni e Thom Browne sta organizzando un altro spettacolo in Europa, replicando quella prestazione passo dopo passo. Per coloro che hanno partecipato, collegare i punti era naturale. Siamo a Parigi e non a Firenze, naturalmente, ed è donna e non maschile, ma non importa: il momento era maturo per una festa. In realtà, la celebrazione è probabilmente una parola troppo elaborata: dopo tutto questo è il mondo di Thom Browne, e la severità è obbligatoria.

Eppure, molto è successo dal 2009 attraverso l’infinita esplorazione di quell’abito su misura in proporzioni assurde. Il designer ha aggiunto il womenswear, ad esempio, dando al suo codice ampiezza necessaria. Lo spettacolo di oggi si è seduto lungo le solite linee. Era identico al passato ma anche diverso – proprio come i semi grigi sono sempre gli stessi ma diversi. Il ritmo non è stato tremendamente lento, tanto per cominciare, e questo ha offerto sollievo, mentre i vestiti erano un vero guardaroba, al contrario dei meravigliosi pezzi del passato, meravigliosamente elaborati ma in ultima analisi.

Il livello di esecuzione è stato, come sempre, di primissimo livello, quasi come la couture. Ha fatto per una gita energica. Per rompere il tutto, la proposta era uno scontro tra il maschile e il femminile: ogni completo completo maschile – giacca, pantaloni, cappotto – è stato replicato come un trompe l’oeil su un vestito formoso, in una vera prodezza di abilità tecnica . Altrimenti, erano ensemble da signora, e un certo numero di pezzi erano perfetti per la signorina elegante.

Come uno spettacolo dell’anniversario, questo non segnò grandi progressi, ma aveva profondità. I lineamenti morbidi e non strutturati – una leggera presa sulla severità di Thom Browne – erano i migliori della linea. Dopo dieci anni di variazioni infinite, allontanarsi da quella rigidità del marchio per testare nuovi terreni sartoriali potrebbe essere una sfida accattivante.