PARIGI, Francia – L’ amore ha vinto, l’amore perduto, l’amore vinto di nuovo a un costo fatale: “Il lago dei cigni” colpisce accordi che risuonano attraverso i secoli. E qui c’era la musica di Čajkovskij come colonna sonora per Maison Margiela . Niente di John Galliano è casuale. Dovevi chiederci dove Swan Lake si adattasse al suo attuale scenario di moda. La riconcettualizzazione tutta maschile di Matthew Bourne del balletto classico? La mascherata del malvagio Odile come l’angelica Odette? Questo tipo di ha funzionato. Nel suo ultimo incessante podcast sibilante, Galliano si riferiva alla confusione della fabbricazione con la verità. L’appropriazione di ciò che è inappropriato.

O vice versa. I pantaloni andarono a nord, le giacche andarono a sud. Il genere è seguito. L’autenticità della spina di pesce , della flanella grigia, della maglieria pesante era de-cucita e appiattita. Il classicismo sconvolto produceva gonna vorticosa e volumi del mantello. Un soprabito stolido trasformato in tuta, tracciato con cerniere. È stato spesso detto che la couture era un laboratorio in cui venivano condotti gli esperimenti che hanno formato il ready-to-wear. Ciò significherebbe che le collezioni artigianali e maschili di Galliano sono state qui distillate in accessibilità. In larga misura, era vero. Lo spettacolo si è aperto con esercizi forti, sobri, in pura silhouette e taglio, dove la familiarità ha dominato. Durante la presentazione, c’erano vestiti e cappotti che puzzavano di una disciplina quasi feticista. Ma il manifesto che ha accompagnato lo spettacolo ha annunciato: “La degenerazione è un processo decadente attraverso il quale un’entità si riduce al suo nucleo più puro.” Indica la riduzione delle entità. Dopotutto, quello che aspetti con Galliano. L’ascesa verso un’alterità di trasporto, dove i confini tradizionali si dissolvono. C’era un po ‘di quello qui:

Sono sicuro che sia stato intenzionale. Galliano è furbo e sfidante. “Pronto da indossare, pronto ad osare”, dichiarò nel suo podcast. Il suo spirito innatamente sovversivo è incline a una celebrazione simultanea e al ribaltamento della tradizione. (Molto Robespierre!) Ma c’era qualcosa di trattenuto in questo spettacolo, fino all’ultimo sguardo, che sentiva come se Galliano stesse tenendo il fuoco, in bilico, tramando il suo prossimo assalto all’ortodossia. Promessa e minaccia.