PARIGI, Francia –  Giambattista Valli vive a Parigi da più di vent’anni, ma la sua storia d’amore con la Città delle Luci non è mai stata così intensa. In un modo o nell’altro, continua a rendere omaggio a Parigi, ma mai in modo letterale. È alla ricerca di una certa civetteria, oltre ai colori del cielo, i colori degli edifici e le sfumature brillanti degli splendidi giardini.

Il tutto si fondeva oggi nelle camere un po ‘futuristiche del Palais des Congrès, una sala per le conferenze e un centro commerciale che, a prima vista, sembrava in contrasto con il proprio marchio di spudoratezza aristocratica di Valli. Ma lo spazio ha fornito scorci esteriori, il cemento e le nuvole che formano lo sfondo perfetto per la collezione.

In questa stagione, Valli era in uno stato d’animo particolarmente civettuolo, come dimostra la visione di una parigina che vagava nei giardini di Giverny mentre il compianto Guy Bourdin la spia fotografando. Cattivo? Sicuramente.

Per quanto riguarda la moda, tutto si è tradotto in una collezione a doppia faccia di abiti ruffly, fioriti e leggings e pezzi rigorosi e su misura. Sembrava tutto molto giovane e molto stordito, eppure conservava ancora l’età senza età che è obbligatoria per Valli – c’è un certo classicismo, del tipo veloce della signora, nel procedimento. Oggi c’erano tocchi esotici intervallati qua e là, che è un altro tropo valli. La collezione è stata un altro esercizio in Valli-ismo, il che vuol dire che non è stato un grande balzo in avanti, solo un’altra ripetizione di uno stile amato dalle donne civettuole e ricche.