PARIGI, Francia –  L’esercito Balmain si sente ribelle in questa stagione. In un atto di sfida, indossando una serie di tweed, pelli, jeans e vinile, oltre a una tonnellata di borchie, le ragazze si sono tolti i tacchi altissimi per indossare gli appartamenti. I tacchi sono ancora lì, ma gli appartamenti catturano il nuovo spirito e l’attitudine di Balmain.

Fresco: questo è un aggettivo adatto. Insouciant, anche. Questo era Olivier Rousteing che rompeva il suo stampo in tutti i sensi. “Per un po ‘ho sentito questo bisogno di essere parigino, di usare grandi spazi e di approfondire quel tipo di narrativa.

Balmain ha lasciato i grandi saloni dell’Hotel de Ville in questa stagione, scegliendo invece un vasto spazio grezzo nei sobborghi periferici di Parigi. Lo spazio sotterraneo forniva un’atmosfera da club. Lo spirito parigino era ancora lì, certo, ma era più facile e più disinvolto. Era ribelle? Probabilmente. L’aggettivo deve essere preso con un pizzico di sale, dato che questi sono i gradi superiori della moda di lusso. E questo, soprattutto, la moda spinge verso la conformità, ancor più quando si cerca di sollecitare sentimenti ribelli.

Considerazione filosofica a parte, la collezione ha letto come un omaggio totale a Karl Lagerfeld , con la sua abbondanza di bianco e nero, forme grafiche e giacche di nouclé.

Rousteing non ha presentato la collezione come tale, sebbene professasse ammirazione per Karl nel backstage. C’era in realtà un’aria ribelle di Chanel nell’aria, facendo eco alla collezione di moto di Lagerfeld per la casa. Questo non era uno spettacolo di audizioni, ma quando inizia la successione di Lagerfeld, il Trono di Spade, a un certo punto, Rousteing dovrebbe ufficialmente inserire la lista.