PARIGI, Francia –  Uno dei problemi più importanti dell’età è l’identità. Chi sono? Dove appartengo? Sarah Burton ha passato un po ‘di tempo a lavorare per Alexander McQueen in lungo e in largo per le isole britanniche. In questa stagione, ha deciso che era il momento di iris nella sua storia. Burton è nato a Macclesfield, nel nord dell’Inghilterra, nel bel mezzo delle città del mulino che producono alcuni dei migliori tessuti del mondo. Andò a scuola a Manchester, in un’epoca in cui quella città era un crogiolo culturale pop. Ha una sua storia da raccontare, al di fuori della narrativa overweaning di McQueen, e il modo in cui ha scelto di raccontarlo ha prodotto uno spettacolo avvincente e mozzafiato.

La prima occhiata fu Binx Walton in un completo di pantaloni scolpito da un dardo di tessuto con la cimossa volutamente inclusa come dettaglio. REALIZZATO IN INGHILTERRA. In un certo senso, questo era l’ordinario esaltato, reso straordinario. “Artigianato che ti fa sentire potente senza essere ricamato o abbellito,” concordò Burton. E il fatto che tale artigianato esiste ancora è stata la sua ispirazione. La sua collezione ha messo in evidenza le capacità delle fabbriche tessili britanniche, in un momento in cui la capacità del paese di servire il mondo è stata posta sotto accuse pesanti dalle prevaricazioni indotte dalla Brexit di politici idioti.

Si potrebbe forse leggere le confezioni taffettà splendidi indossati da Adut Akech e Anok Yai , alla fine dello spettacolo come rose esplosi, un ricordo di un altro momento in cui l’Inghilterra witlessly stesso lacerato (sto parlando di guerra dei Roses 15 ° secolo) . E forse Burton non ti contenderebbe nemmeno su quello. Ma più vicino al suo cuore c’era la spettacolare e lineare sartoria , che ricordava l’orgoglio che suo padre aveva nel vestirsi con il suo vestito e il fondamento di ciò nella cultura della classe lavorativa in cui era cresciuta. Non devi essere un uomo per sentirsi potente in un vestito, stava dicendo Burton. La giacca di Vittoria Ceretti scivolò lateralmente in un fiore di stoffa che si trascinava nel grande gesto imperioso di un treno.

Ma c’era anche l’umiltà innata di Burton nella collezione: un vestito chemisier di popeline bianco puro, un look di cotone con bordi grezzi con una massa di tessuto ammucchiato a una spalla per formare una rosa sfilacciata, una gonna con un disegno floreale modellato da ritagli di cimossa sul pavimento della fabbrica. Non si vuole davvero andare lì con la cosa punk, ma è una parte importante della cultura e della colonna sonora del Nord John Gosling ha incluso una versione a corda di “She’s Lost Control” di Joy Division. Ancora una volta, la nozione di trasmutazione. L’ordinario reso straordinario. L’alchimia della vita. Sarah Burton ha lanciato l’incantesimo brillantemente.