Lo stadio del qatar ‘al wakrah’ – la sede della coppa del mondo 2022 progettata dal defunto zaha hadid – è stato inaugurato. il 16 maggio 2019, l’arena ospitò la finale della Coppa dell’amir, con le autorità locali che riferivano che tutti i biglietti all’interno dello stadio da 40.000 posti erano stati venduti. la sede, che ospiterà i giochi fino alla fase dei quarti di finale del torneo di calcio, è stata inaugurata per la prima volta nel 2013, con la costruzione in corso l’anno successivo.

stadio zaha hadid al wakrahimmagine per gentile concessione del comitato supremo per consegne e eredità

situato in una delle zone abitate ininterrottamente più antiche del qatar, il luogo designato dallo zaha hadid è stato descritto come “uno stadio straordinario per una città avventurosa”. il comitato supremo di consegna e eredità (SC)– l’organizzazione responsabile della distribuzione degli stadi e dell’infrastruttura per la coppa del mondo FIFA 2022– promette anche che “i tifosi troveranno anche molte cose da fare prima e dopo le partite, che si tratti di una passeggiata lungo il lungomare, comprando mercanzie locali uniche al souq o scoprendo la ricca storia della zona in un museo. “

stadio zaha hadid al wakrahimmagine per gentile concessione del comitato supremo per consegne e eredità

il tetto completamente retrattile dello stadio significa che può essere utilizzato tutto l’anno. dispone inoltre di una tecnologia in grado di raffreddare le aree dello spettatore a 18 ° C (64 ° F) e il campo di gioco a 20 ° C (68 ° F). dopo la coppa del mondo, la capacità dello stadio sarà ridotta a 20.000 grazie alla sua costruzione modulare, con i posti in eccesso che vengono donati a progetti sportivi all’estero. lo stadio diventerà quindi la sede del club sportivo locale al-Wakrah .

immagine © hufton + crow

Il design di zaha hadid si ispira alle vele delle tradizionali imbarcazioni da dhow e mira a mettere in risalto le industrie tradizionali della regione, tra cui la pesca e la pera. “Volevamo rispondere al brief del cliente, che era quello di fare qualcosa che riecheggiava con al wakrah, così abbiamo iniziato guardando il dhow”, dice jim heverin, director, zaha hadid architects, che ha lavorato a lungo sul concept originale del design. ‘non volevamo letteralmente far saltare in aria una barca di dhow, così abbiamo cercato di astrarla per creare qualcosa di dinamico e organico – qualcosa che ha più interpretazioni.’

immagine © hufton + crow

“Lo zaha l’avrebbe adorato”, prosegue Heverin in un’intervista con la SC . “non era appassionata dello sport ma amava lo spettacolo, amava il glamour e culturalmente amava il fatto che la sua parte del mondo avrebbe ospitato un evento così imponente e sarebbe stata parte di esso. quando abbiamo partecipato a Londra 2012 [progettando il centro acquatico ], zaha desiderava davvero ottenere i biglietti e godersi l’esperienza da spettatore, e sarebbe stata la stessa per il calcio “. vedi la precedente copertura del design del progetto qui .

immagine © hufton + crow

stadio zaha hadid al wakrahimmagine per gentile concessione del comitato supremo per consegne e eredità

stadio zaha hadid al wakrahimmagine per gentile concessione del comitato supremo per consegne e eredità

immagine © hufton + crow

immagine © hufton + crow

immagine © hufton + crow

stadio zaha hadid al wakrahimmagine per gentile concessione del comitato supremo per consegne e eredità

 

video per gentile concessione del comitato supremo per consegne e eredità

cliente: comitato supremo per consegne e eredità del 2022 FIFA world cup
location del qatar : al wakrah,
status qatar : completato a partire dal 2019
architetto e capo progettista: zaha hadid architects (ZHA)
Team di progetto ZHA – 
design: zaha hadid, patrik schumacher
direttore del progetto: jim heverin
collaboratore / architetto del progetto: johannes hoffmann
project team:annarita papeschi, andreas urff, antonio monserrat, cynthia du, edgar payan, ermis chavaltzi, fernando poucell, ganesh nimmala, george king, ho-ping hsia, irene guerra, jan klaska, junyi wang, karim muallem, karoly markos, ming cheong, moa carlsson, mohamed al-jubori, nastassia linau, paulo flores, peter irmscher, rafael portillo, stephane vallotton, thomas soo, vincent konate, yeena yun, wen-kai li (kevin)
consulenti – 
lead consultant: aecom operable
roof design: schlaich partner di bergermann

DESIGNBOOM