sabato, 29 Febbraio 2020
Home NEWS & TRENDS Jean Paul Gaultier dice addio alle sfilate, l’ultima il 22 gennaio

Jean Paul Gaultier dice addio alle sfilate, l’ultima il 22 gennaio

55

Anche il grandissimo e simpaticissimo Jean Paul Gaultier chiude con la vita di atelier, ma come promesso nelle due righe di annuncio ispirerà nuovi progetti dei quali ancora non è dato sapere. In tantissimi rimpiangeranno le sue corse scatenate a fine passerella per salutare il suo pubblico e l’eterna musa e amica Catherine Deneuve che non ha mai mancato ad un suo defilè come del resto tutto il bel mondo parigino e la stampa internazionale che lo ha sempre premiato con rispetto, stima e affetto. Fantastico Jean Paul, 67 anni di vitalità, i capelli biondi e ormai un po’ anche bianchi, la faccia aperta, il suo italiano favoloso e un po’ maccheronico per i tanti anni passati in Italia a lavorare e a farsi produrre maglieria (da Anna Maria Fuzzi) e abbigliamento (dal gruppo Aeffe), alfiere di una moda testimonianza di vita, di una Parigi che non c’è più piena di talenti dello stile che si sono fatti da soli.

Lui viene da un sobborgo di Parigi, non ricco ma pieno di affetti famigliari, primo su tutti quello della nonna i cui reggiseni gli ispireranno poi i body sensuali per i tour di Madonna negli anni Novanta. Autodidatta manda i bozzetti in giro già da adolescente. Li vede Pierre Cardin che lo chiama nel suo atelier, crede nel suo talento e lo assume come suo assistente proprio nel 1970. Dieci anni dopo la prima sfilata con il proprio nome e quel volare alto sull’eleganza bon ton con le sue idee irriverenti e sexy, con la sua eleganza spiazzante che mischia in passerella modelle di bellezza strepitosa, donne cannone prima che arrivino le curvy, travestiti disinvolti perchè accettati e resi pubblici testimoni di libertà. E poi i profumi e tutti gli accessori, gli occhiali e le borse, e sempre “enfant terrible” della moda francese e non solo.

Jean Paul ha avuto anche un parentesi nel lusso quando anni fa è diventato direttore creativo di Hermes svegliando anche la maison “bella addormentata” col suo stile sontuosamente irriverente e francesissimo: indimenticabili le pellicce per Hermès e l’abbigliamento in pelle da donna. Capace come pochi di esaltare bellezza e seduzione, ha mandato in passerella donne di tutte le età, dive sublimi e uomini in mutazione genetica prima che questo stesso fenomeno venisse banalizzato come accade oggi. Trasgressivo? Certo, nel modo più concreto e positivo del mondo, stilista sempre sincero con la sua clientela. Riservato nel privato anche se ispiratore di sfilate evento memorabili e di feste di sogno. Ora l’ultima alta moda al Theatre Chatelet davanti a 2500 persone per un addio vero. Magnifico Jean Paul, creativo senza limiti e poeta dell’eleganza che supera ogni limite restando nei limiti della grazia e della felicità.

QN

ADS