Jaeger-LeCoultre produce orologi Atmos dagli anni ’30 e l’ultimo Atmos Transparente è emblematico della precisione e del know-how che danno alla Grande Maison il suo soprannome di “orologiaio dell’orologiaio”

Atmos trasparente

Inventato dall’ingegnere Jean-Léon Reutter nel 1928 e introdotto sul mercato dalla Grande Maison   negli anni ’30, l’ orologio Jaeger-LeCoultre Atmos è il più vicino possibile tecnicamente (e letteralmente) a una macchina a moto perpetuo – un ipotetico che può fare lavorare indefinitamente senza una fonte di energia. Dichiariamo questa strana piccola curiosità perché indiscutibilmente, un aggeggio di questa natura è scientificamente impossibile, poiché violerebbe la prima o la seconda legge della termodinamica; ma desideriamo anche sottolineare l’ingegnosità della Grande Maison nel riconoscere la grandezza dell’orologio Jaeger-LeCoultre Atmos e il suo potenziale come emblema di impareggiabile know-how dell’orologiaio dell’orologiaio.

Picchiando il leggendario Leonardo da Vinci in un certo senso, l’ingegnere Neuchâtel Jean-Léon Reutter ha creato una sorta di “macchina a moto perpetuo”, usando una stranezza di mutevoli condizioni ambientali: Jaeger-LeCoultre Atmos Transparente, come i suoi antenati, è un orologio guidato dall’atmosfera creato con meccanismi interni alimentati dall’energia rilasciata dai materiali risultanti espansione termica e contrazione.

Atmos trasparente

Incastonato all’interno di un cristallo trasparente di vetro antiriflesso, l’orologio Atmos Transparente nasconde un segreto aperto: solo un singolo grado di variazione della temperatura ambiente e l’orologio Atmos cattura abbastanza energia per funzionare per due giorni interi. Dietro un quadrante impreziosito in stile Art Déco, la membrana metallica riempita di gas cloruro di etilene si espande e si contrae al variare della temperatura ambiente: durante l’espansione, il gas comprime una molla a spirale mentre la contrazione fa rilassare la molla e le ripetute fluttuazioni avvolgono la molla principale.

Considera questo, il processo è così efficiente che un semplice grado di variazione della temperatura fornisce energia sufficiente per 48 ore. Inoltre, questa prodezza dell’alta orologeria è resa possibile da un’elevata efficienza, ingegneria a basso attrito che garantisce un avvolgimento regolare e un trasferimento ottimale dell’energia attraverso il treno degli ingranaggi con una perdita di energia infinitesimale in un ambiente autonomo. Operando praticamente senza usura, l’equilibrio lento del Calibre 563 fa solo un giro al minuto, guidando le mani del Jaeger-LeCoultre Atmos Transparente.

Jaeger-LeCoultre produce orologi Atmos dagli anni ’30 in quasi centinaia di design diversi con innumerevoli quadranti estetici e trattamenti della cassa, il più memorabile, il recente impegno con Marc Newson . L’ultimo orologio Jaeger-LeCoultre Atmos Transparente segue la stessa vena del famoso designer industriale con il suo approccio arretrato, caratterizzato da un nuovo quadrante in vetro che mette in risalto i suoi indici di dodici ore particolarmente bene con lancette minimaliste, quasi dauphine, che formano armoniose in contrasto con la pienezza arrotondata del quadrante. Teoricamente, un Jaeger-LeCoultre Atmos perfettamente sigillato può essenzialmente funzionare “indefinitamente”, ma la Grande Maison raccomanda intervalli di manutenzione di 10-15 anni.

Atmos 568 di Marc Newsom

ADS