Anno 1972,Ultimo tango a Parigi,a Roma al cinema Adriano che non era ancora di Cecchi-Gori,Marlon Brando e il regista Bernardo Bertolucci,un binomio insolito e di grande richiamo.Primo giorno,prima ora,eravamo proprio quattro gatti.Marlon un po’ acciaccato,ma sempre affascinante in una difficile passione amorosa.A volte sembrava amore,a volte sembrava odio, a volte il senso sfuggiva poi il filo riappariva e il rapporto terminava con una pistolettata.

Immagine correlata

Era il tempio della libertà,via i nomi,le famiglie,i progetti di coppia,via l’ipocrisia borghese,restava il solo desiderio con le sue fantasie e i suoi tormenti.Dopo pochi giorni Ultimo Tango a Parigi venne sequestrato e iniziò un percorso doloroso per Bernardo Bertolucci.L’avevano visto in pochi e invitata passavo di salotto in salotto a raccontare la trama del film di cui tutta l’Italia parlava e sparlava.

                                  Lilli Maria Trizio