PARIGI, Francia –  La cosa più bella di Clare Waight Keller è il senso di meraviglia che trasuda su dove si trova e su ciò che fa. “Mi piace così tanto”, ha detto con entusiasmo lo spettacolo di couture di Givenchy martedì sera, e sembrava quasi che non potesse credere alla sua buona fortuna, come Charlie con un biglietto d’oro per la fabbrica di cioccolato.

Per tutti i suoi anni nelle trincee femminili, le radici di Waight Keller sono nell’abbigliamento maschile, che ha dimostrato con la collezione maschile succinta ma compiuta che ha presentato la scorsa settimana. Progettare haute couture per lei è una fantasia appassionata, ed è per questo che il suo spettacolo ha toccato tutto ciò che avresti sperato se avessi le risorse per realizzare quella fantasia: tecnica straordinaria, dettagli squisiti, volume e colore stravaganti. Ha portato tutto questo e altro, e lo ha fatto con un tale senso di scopo che la resistenza era inutile.

C’era qualcosa di un po ‘accademica e offputtingly grande circa ultimo spettacolo couture di Waight Keller, quello in cui si rende omaggio a Hubert de Givenchy. Forse lei ha riconosciuto che nel profondo, perché questa volta, ha parlato di fare un passo e di partenza, dove ha voluto iniziare. Chiamò la collezione Bleached Canvas e la presentò in un grande cubo bianco, bianco, in modo che nulla potesse distrarre dal puro dramma degli abiti. Fu intensificato dalla colonna sonora, il soprano di Montserrat Caballé che volava attraverso Tosca.

“Volevo rendere le forme squisite”, ha spiegato Waight Keller. “Ogni tecnica è stata progettata per la forma.” E le forme erano, dalla seconda pelle liscia e una frenesia di frange a cappe e una vela gonfia di pizzo giallo acido . La collezione è stata unificata dalla ricerca del designer per la modernità. Prese l’arco, un classico tropo d’alta moda, lo fece esplodere in proporzioni ridicole e vi infilò uno zaino. Prendi questo , minaudiere!

Oppure ha reso il lattice una base sorprendente. “È la mia pelle couture”, Waight Keller si è fatto lirico. “Seconda pelle, super-moderno, superluce, incredibile colore, sensualità …” Il lattice era il pantalone nero che Adut Akech indossava per aprire lo spettacolo, con una giacca nera il cui unico risvolto bianco si poteva tagliare con il dito. Il lattice era il cappelet vermiglio su un abito di pizzo rosso, il corpo vermiglio sotto una cavezza grassa di pizzo nero. Ed era un singolo bracciale ultravioletto, come se la modella avesse intinto il suo braccio in un secchio della pittura ad alta vernice di Yves Klein. Era in contrasto con il pizzo più couture-laccato, l’organza sfrangiata, le fronde di piume di coq che offuscavano la definizione di un top con borchie di perle e il lattice sembrava piuttosto perverso. Quella avrebbe potuto essere l’intuizione più truce di Waight Keller. Il contrasto crea dinamismo.

ADS