Luci rosa, Libertango, apre lo show un abito verde che ricorda praterie sterminate. È l’Argentina la terra che ispira la collezione Genny primavera/estate 2020. A Piazza Affari, superato il dito medio di Cattelan, si respira un’atmosfera esotica: amazzoni moderne con cappelli a falda larga, color paglia, e foulard lunghi, volanti, mini jumpsuit in raffia, trench di lino, frange ovunque – per tutto il giorno. Maxi poncho immancabile ma reso moderno, bicolor. L’abbigliamento tradizionale influenza la collezione che reinterpreta e arricchisce: linee appena accennate, forme curvilinee, la palette è naturale, i colori sono quelli della terra e delle spezie argentine: senape, paprika, pepe nero, noce moscata bianca, ma anche frumento, girasoli. Dettagli dal mondo equestre su quasi tutti i capi – corde, cinghie in pelle, stampe, stivali open toe, camperos scamosciati – dominano, insieme al fiore simbolo della donna Genny: l’orchidea, stampata su scarpe, abiti, foulard. Una donna ancora una volta romantica, di un romanticismo selvaggio, epico, estremamente elegante e femminile.

1 / 50