In crociera a bordo della nave MSC Meraviglia ci sono 4.500 passeggeri e 1.600 membri dell’equipaggio. Non possono scendere, né attraccare. Per sicurezza e nonostante a bordo ci sia solo un caso di influenza, la nave italiana delle meraviglie è stata allontanata da due porti per paura del coronavirus.

La MSC Meraviglia partita da Miami è arrivata a Ocho Rios, in Giamaica, martedì mattina. Il comando della nave ha segnalato un caso di influenza di un membro dell’equipaggio e le autorità giamaicane li hanno lasciati a largo della costa.

In acque caraibiche, la nave si è dunque diretta a Georgetown, Isole Cayman, anche qui porti chiusi: il ministero della Salute li ha rimandati indietro: “Un eccesso di precauzaione al fine di fornire protezione alla salute e alla sicurezza dei residenti delle Isole Cayman” ha dichiarato il ministro della Salute per le Isole Cayman, Dwayne Seymour, in una nota.

CRONACA

Come per la MS Westerdam, a nulla è valsa la dichiarazione rilasciata martedì pomeriggio dal comandante della nave: “Il membro dell’equipaggio aveva viaggiato a Miami da Manila, tramite collegamento diretto a Istanbul”, ha dichiarato MSC. “Ha sviluppato sintomi di influenza comune e si è rivelato positivo all’influenza di tipo A dopo aver visitato il centro medico della nave mentre era già a bordo. Non ha altri sintomi”. È in condizioni stabili, riceve trattamenti e farmaci antivirali, non ha febbre ed è quasi guarito. Per precauzione è stato isolato dagli altri membri dell’equipaggio e dagli ospiti sin dal primo momento in cui si sono verificati i sintomi e rimarrà in isolamento fino a quando non sarà completamente guarito.

Msc Meraviglia è attualmente in navigazione verso Cozumel, in Messico, il prossimo porto di scalo come da itinerario programmato.

 

ADS