Fabrizio Corona continuerà a scontare la sua pena in un istituto per ricevere cure psichiatriche. E non mancano le polemiche. Fabrizio Corona lascia il carcere per entrare in istituto nel quale riceverà cure psichiatriche. Le autorità hanno deciso di muoversi in questa direzione dopo che all’ex fotografo è stato riscontrato il peggioramento di una patologia psichiatrica. Fabrizio Corona trasferito in un istituto per ricevere cure psichiatriche Corona lascia quindi il carcere per seguire le cure in un istituto situato nei pressi Monza. Qui continuerà a scontare la sua pena e per questo motivo non gli sarà concesso di allontanarsi dalla struttura per tutta la durata delle cure.

Risultati immagini per CORONA FOTO

La detenzione Dopo aver passato cinque anni e cinque mesi in carcere, Fabrizio Corona aveva lasciato la sua cella nel febbraio del 2018. Da quel momento si sono susseguite diverse richieste di revoca della misura concessagli dal Tribunale di Sorveglianza. La richiesta era quella di offrire al soggetto un percorso terapeutico per far fronte alla sua dipendenza dalle droghe. La seconda tappa principale della vicenda risale al marzo del 2019, quando la concessione gli fu revocata in seguito a una lunga serie di violazioni e ospitate in salotti televisivi. Fabrizio Corona Il quadro clinico di Fabrizio Corona I medici dell’istituto di San Vittore hanno evidenziato un aggravarsi della patologia psichiatrica che comporta disturbi della personalità accompagnati dalla tendenza alla depressione e da un comportamento fortemente e patologicamente narcisistico. Fino a quando non mostrerà significativi miglioramenti del quadro clinico, Fabrizio Corone sconterà la sua pena nell’istituto di cura. La decisione ha ovviamente scatenato le polemiche, con l’opinione pubblica e diversi sindacati che hanno evidenziato come nelle carceri italiane ci siano casi decisamente più gravi di quello dell’ex fotografo. Molte di queste persone non avrebbero goduto dello stesso trattamento e continuano a scontare la propria pena in cella.

ADS