Il gruppo Richemont ha acquisito lo storico Buccellati, un gioielliere italiano precedentemente di proprietà del gruppo cinese Gangtai. Ora è il terzo marchio di gioielleria accanto a Cartier e Van Cleef & Arpels

Richemont ha acquisito il marchio di gioielli italiano Buccellati. Secondo la società di analisi McKinsey & Company: con un fatturato globale annuo di gioielli di 148 miliardi di euro, si prevede che crescerà con una crescita del 5-6 percento ogni anno, l’industria raggiungerà i 250 miliardi di euro entro il 2020, anche se l’appetito per i gioielli è frenato dalla recessione globale .

Il rapporto sugli utili trimestrali del Gruppo Richemont supporta anche l’affermazione di McKinsey con i ricavi delle vendite sostenute da Cartier e Van Cleef & Arpels. I gioielli hanno registrato una forte crescita a doppia cifra (10%) terminando l’anno fiscale 2019, ma anche in un primo trimestre più debole dell’anno fiscale 2020, hanno ancora registrato un aumento delle vendite del 6%, trainato da Jewellers Maisons. Quindi, ha senso aggiungere il gioielliere italiano Buccellati al portafoglio di marchi di gioielli del Gruppo Richemont.

Zhang Ziyi ha guidato una Buccellati subito dopo la sua acquisizione da parte del corp di investimento cinese.

Secondo Reuters, la società di investimento cinese Gangtai Group Corp ha acquisito una quota dell’85% del gioielliere milanese Buccellati dalla società azionaria italiana Clessidra per $ 250 milioni, ovvero 6,6 volte i suoi ricavi con la famiglia omonima che detiene le sue quote residue.

Con orologiai specializzati in calo del 2% su aprile-giugno 2019 rispetto allo stesso periodo del 2018, i gioielli sono diventati sempre più importanti per Richemont per la sua resilienza durante i rallentamenti economici. L’acquisizione è stata completata con successo alla fine di agosto, Clessidra aveva precedentemente tenuto colloqui per vendere una partecipazione di controllo in Buccellati al proprietario di Cartier, ma non è stato in grado di raggiungere un accordo nel 2016.

Andrea Buccellati, presidente onorario e direttore creativo di Buccellati e figlia, designer all’interno del marchio

“Siamo estremamente lieti di aver contribuito con successo all’introduzione del prestigioso marchio Buccellati nel mercato della Grande Cina, rafforzando l’identità di Buccellati e valorizzando tutti gli elementi che lo rendono uno dei marchi più noti in tutto il mondo nel settore della gioielleria. Siamo ora onorati e orgogliosi che Richemont continuerà il viaggio, assicurando il grande successo di Buccellati, a partire dalla celebrazione del suo 100 ° anniversario. ”- Xu Jiangang, fondatore e presidente del Gruppo Gangtai

Secondo Forbes, Gangtai con sede a Shanghai si concentra sui settori dei consumatori, della cultura, della finanza e della salute; la sua consociata Gangsu Gangtai Holding (Group) Co. Ltd, è un importante rivenditore di gioielli su Internet in Cina e un importante distributore di gioielli in oro . La controllata ha avuto problemi con Pechino e con i crescenti controlli sui capitali, non è stata in grado di trasferire fondi dalla Cina per finanziare la produzione, il marketing e i piani di Buccellati di aprire 88 boutique come previsto.

Anche la holding Gangtai è stata colpita da una repressione del credito da parte del governo cinese ed è stata costretta a vendere beni preziosi per pagare i debiti. 

Un comunicato di Richemont afferma che l’operazione si è conclusa il 26 settembre e non avrà alcun impatto finanziario significativo sul patrimonio netto consolidato del Gruppo o sul risultato operativo per l’esercizio chiuso al 31 marzo 2020.