Armani Privé punta su rosso e bluette. A Parigi sfila l’eleganza déco

7

Parigi – I suoi colori sono il bluette e il rosso e il flacone prezioso brilla di questa nuova accoppiata di tonalità, abbastanza inedita per Giorgio Armani re del velluto nero e delle tonalità famose ed eterne del suo “greige”.

Risultati immagini per GIORGIO ARMANI FOTO

Il suo nome è ‘Laque’ ed è il nuovo profumo di Armani Privé svelato stasera, all’Hotel d’Evreux di Place Vendome a Parigi, durante il sensazionale e imperiale defilè dell’alta moda con in passerella (di lacca nera) 83 modelli straordinari e pieni di charme. E Laque è anche il nome che Armani ha dato al defilé che si chiude con la sposa in un abito lungo che risplende di paillettes candide sotto un immenso velo.
Lacca rossa, bluette, nera e appunto bianca per raccontare una collezione ispirata al Déco e all’Orientalismo che ha preso spunto dalla cultura cinese, con Armani impegnato ad attualizzare e rendere unici e suoi tanti messaggi di bellezza. “Stavolta mi sono proprio divertito – racconta Giorgio Armani elegantissimo in smoking dopo gli applausi per un defilè strabiliante e immensamente ricco di grazia e di eleganza – e divertirmi vuol dire lasciare libera la mia testa, approcciare un mondo come quello dell’arte Déco che non ho visto e vissuto e reinterpretarlo con la sensibilità di oggi”. Uno spettacolo imperiale questo Armani Privé, di ricchezza di idee e di manifattura inarrivabile per materiali e ricami. “Qualcuno dirà: Armani si è fatto prendere la mano?”, scherza Giorgio dopo aver mandato in passerella una donna sottile e slanciata, con gonne longuette e plissè chiuse da una leggiadra ruches all’orlo, piccole giacche preziose come scrigni anche di coccodrillo rosso che si dovrebbero tenere in cassaforte, pantaloni lievemente svasati sul fondo, fiori ricamati a rilievo sui vestiti da sera tutti da red carpet. In testa le modelle hanno un delizioso cappellino a cono di paglia, che ricorda quelli indossati dai raccoglitori di riso nelle piantagioni e che in cinese si chiama Sugegasa, illuminati da un bordo di techno crinolina,  sui capelli anche cuffie di jais che rimandano agli anni Venti e alle figure sinuose di Ertè, a rendere ancora più bella e misteriosa la donna Armani Privé. Le modelle hanno unghie laccate di rosso come l’ombretto del contorno occhio disegnato con maestria da Linda Cantello de L’Orèal. In prima fila ad applaudire Giorgio nelle due sfilate d’alta moda di stasera ci sono Sofia Coppola, Liv Lisa Fries, Sasha Luss, Hirohishi Tamaki, Sebastien Tellier, Carole Bouquet, Caroline de Maigret, GoEun Kim.